domenica 8 dicembre 2013

Morire al tempo di Facebook

Valutazione post: 
Meme sulla morte di Nelson Mandela

La morte di Nelson Mandela è uno di quegli eventi il cui indiscutibile significato simbolico è trasversale a culture e opinioni politiche per arrivare a valenze così universali e condivise da rendere pressoché obbligatorio un intervento di testimonianza.

Madiba, il padre del Sudafrica moderno, così come negli ultimi giorni i telegiornali lo hanno più volte acclamato, è una di quelle rare figure storiche che pur appartenendo ad un preciso popolo e ad un preciso momento storico diventano in qualche modo patrimonio collettivo dell'umanità. Nella storia recente dell'umanità, solo Gandhi, come valenza e somiglianza filosofica, può essere paragonato a lui.

La sua morte è peraltro il primo evento di una simile portata mediatico-simbolica ad avvenire nell'era dei social network, e a confrontarsi con le tecniche contemporanee di accettazione, elaborazione e perché no anche emulazione.
L'evento creato dalla scomparsa di Madiba, proprio per l'universalità del personaggio, obbliga tutti a riflettere su questa figura titanica della lotta contro le discriminazioni razziali, e da lì costringe giocoforza a pensare al perché nel mondo c'è stato bisogno di un personaggio come lui. Obbliga, in sostanza, a prendere posizione, ad esprimerla, come si diceva poco sopra, a testimoniare.

Si tratta di un'esigenza nota e comune nella storia dell'umanità, un'esigenza che le moderne tecnologie contribuiscono a rendere più universale e aiutano ad espletare, attraverso la pervasività che le contraddistingue.
Dal momento della morte di Mandela i social network letteralmente ribollono di commiati, addii, ricordi fatti da comuni cittadini che esprimono il proprio cordoglio per la scomparsa del leader sudafricano. Una - per l'appunto - testimonianza di portata planetaria che per una volta non è limitata ai potenti del mondo o a coloro che sono geograficamente e storicamente più vicini all'epicentro dell'evento, ma che grazie alle moderne tecnologie coinvolge in maniera globalizzata e altrettanto profonda il mondo intero.

Se tuttavia da un lato i social network costituiscono un formidabile amplificatore, grazie alla possibilità che offrono a chiunque di esprimere liberamente il proprio pensiero, dall'altro costituiscono una sorta di pericolosa valvola di scarico, in cui queste azioni di testimonianza si esauriscono in un modo tutto sommato sterile e poco produttivo.
Già da tempo Facebook, per fare un esempio, non costituisce più un social media paritario, in cui tutti gli utenti sono egualmente produttori di contenuti; per meglio dire, mantiene ancora formalmente questa struttura ma la divisione tra produttori e fruitori di contenuti è ormai piuttosto evidente, con una serie di hub qualificati che fungono da fonti e i cui contenuti vengono poi progressivamente ripresi e condivisi dal resto del web.
Spesso, quindi, la resa di testimonianza nei confronti di un evento non costituisce nemmeno più uno sforzo creativo, ma implica solo la ripresa e la condivisione di un meme prodotto da altri; l'omaggio si trasforma quindi in un mero "atto dovuto", un gesto obbligato perché sarebbe socialmente poco conveniente fare altrimenti e in cui, come sempre in questi casi, si sceglie tra una serie di prodotti preconfezionati da altri.

Al contempo, la semplice pubblicazione di una parola o di un'immagine ha una funzione in qualche modo catartica, assolve chi la esegue dalla necessità di trovare altre forme, probabilmente più impegnative e proficue, di rendere omaggio in caso di eventi come quello avvenuto pochi giorni fa, generando una sensazione di autocompiacimento a lungo andare negativa, in quanto in grado di fermare sul nascere sforzi intellettuali di approfondimento, presa ad esempio, riflessione originale.
Se portare dentro il peso di venire a patti con la dipartita di un personaggio di impatto planetario poteva in qualche modo servire a portare milioni di persone a farsi delle domande, e magari nel caso di qualche manciata ad un reale impegno civile, politico e sociale, la semplice pressione del tasto INVIO sulla tastiera di un computer o di uno smartphone consente di esternalizzare in maniera rapida e indolore qualsiasi tentativo di elaborazione interiore, stroncandola sul nascere e annegandola nella banalità di una frase preconfezionata.

Laddove i social media sono nati proprio per favorire il contatto e l'interazione, nella speranza che da queste sinapsi virtuali scaturissero connessioni e idee, la loro trasformazione in semplici mezzi di diffusione di contenuti anziché di creazioni li sta trasformando in un ennesimo - ma di una pervasività senza precedenti - strumento di controllo dell'opinione e mantenimento dello status quo.
Mandela non ne sarebbe contento.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails