martedì 8 gennaio 2013

Analisi delle parlamentarie PD (Parte II)

Valutazione post: 
Logo delle parlamentarie PD

Prosegue in questa seconda parte dell'articolo l'analisi delle primarie parlamentari per la scelta dei candidati del Partito Democratico alle elezioni politiche 2013.

Friuli Venezia Giulia

L'Abruzzo elegge 13 deputati e 7 senatori. Di questi, nell'ipotesi che non vi siano extra-seggi, 7 deputati e 4 senatori spettano alla coalizione vincente.
Considerando i due capilista scelti da Bersani, e l'ipotesi cautelativa di un deputato da dividere con SEL (come nel 2008 avvenne con l'IdV), resterebbero quindi, in caso di vittoria del centrosinistra in questa regione, 6 deputati e 2 senatori, quindi otto posti.

Risultati delle parlamentarie PD in Friuli Venezia Giulia

La ripartizione degli otto seggi, se si tenesse conto della popolazione residente al censimento, dovrebbe essere:
  • Udine --> De Monte Isabella
  • Pordenone --> Zanin Giorgio
  • Udine --> Coppola Paolo
  • Trieste --> Rosato Ettore
  • Udine --> Malisani Gianna
  • Pordenone --> Quas Franca
  • Gorizia --> Brandolin Giorgio
  • Udine --> Pegorer Carlo
Il primo escluso, da ripescare in caso di extra-seggi o pessimi risultati di SEL, sarebbe la senatrice triestina Blazina.
L'alternanza uomo-donna penalizza in Friuli il pordenonese Sonego, che pur con oltre 200 voti in più della Quas deve cedere il passo al sindaco di Andreis in quanto prima donna della classifica.

Gli otto vincenti sono cinque uomini e tre donne, da dividere in due liste; tra queste persone vi sono due parlamentari uscenti e sei esponenti di istituzioni locali. L'età media è 51 anni, che spazia tra i 39 di Coppola e i 62 dei Brandolin.

Le liste friulani presentavano una percentuale di per sé molto bassa di giovani, appena quattro, uno per provincia, e di questi solo l'udinese Coppola, il territorio che offre più eletti, ha possibilità (anche concrete, in effetti) di entrare in Parlamento.
Il fatto che l'età media non sia in ogni caso molto più alta di quella di altre regioni evidenzia come sia in reatà la varianza ad essere piuttosto bassa in Friuli, con una serie di candidati concentrati nella generazione a cavallo dei cinquant'anni.
Contrariamente a molte altre regioni, i Friuli i candidati renziani ottengono buone prestazioni, conquistando diversi seggi sicuri in Parlamento. Questo malgrado il Friuli non fosse indubbiamente una delle regioni in cui Renzi aveva ottenuto le proprie migliori prestazioni durante le primarie per la premiership, segno questo di un'evidente attenzione dell'elettorato alle personalità locali più che alla pura e semplice area di appartenenza.

Lazio

Il Lazio elegge 58 deputati e 28 senatori. Di questi, nell'ipotesi che non vi siano extra-seggi, 32 deputati e 15 senatori spettano alla coalizione vincente.
Considerando i tre capilista scelti da Bersani, e l'ipotesi cautelativa di due deputati e un senatore da dividere con SEL (come nel 2008 avvenne con l'IdV), resterebbero quindi, in caso di vittoria del centrosinistra in questa regione, 28 deputati e 13 senatori, quindi quarantun posti.

Risultati delle parlamentarie PD in Lazio

La ripartizione dei quarantun seggi, se si tenesse conto della popolazione residente al censimento, dovrebbe essere:
  • Roma --> Fassina Stefano
  • Roma --> Tidei Marietta
  • Roma --> Astorre Bruno
  • Roma --> Parente Anna Maria
  • Roma --> Marroni Umberto
  • Roma --> Argentin Ileana
  • Roma --> Orfini Matteo
  • Latina --> Moscardelli Claudio
  • Roma --> Campana Micaela
  • Frosinone --> Scalia Francesco
  • Roma --> Carella Renzo
  • Roma --> Madia Marianna
  • Roma --> Morassut Roberto
  • Roma --> Cirinnà Monica
  • Viterbo --> Mazzoli Alessandro
  • Roma --> Giachetti Roberto
  • Roma --> Gregori Monica
  • Latina --> Amici Maria Teresa
  • Roma --> Lucherini Carlo
  • Roma --> Coscia Maria
  • Frosinone --> Spillabotte Maria
  • Roma --> Ferro Andrea
  • Roma --> Bonaccorsi Lorenza
  • Roma --> Miccoli Marco
  • Roma --> Maturani Giuseppina
  • Roma --> Minnucci Emiliano
  • Roma --> Giardiello Carla
  • Latina --> La Penna Salvatore
  • Roma --> Tocci Walter
  • Roma --> Belletti Elena
  • Frosinone --> Di Nota Antonio
  • Roma --> Lo Fazio Aurelio
  • Viterbo --> Terrosi Alessandra
  • Rieti --> Melilli Fabio
  • Roma --> Valentini Daniela
  • Roma --> Di Stefano Marco
  • Roma --> Della Portella Ivana
  • Roma --> Dolce Massimiliano
  • Latina --> Rosato Giuseppina
  • Roma --> Laurelli Luisa
  • Roma --> Quinto Paolo
L'alternanza uomo-donna penalizza tre volte il gentil sesso in Lazio: devono infatti cedere il posto Donatella Crescenzi e Francesca Gatta a Frosinone e Maria Teresa Petrucci a Roma.

I primi tre esclusi, da ripescare in caso di extra-seggi o pessimi risultati di SEL, sarebbero proprio Crescenzi e Petrucci, assieme al romano Vincenzo Maria Vita, forse l'escluso più eclatante in quanto senatore in carica.

I vincenti sono ventidue uomini e diciannove donna, da dividere in tre liste; i parlamentari uscenti sono sette, mentre non vi sono vere new entry della politica: tutti i candidati più votati e che possono ragionevolmente sperare in un posto in Parlamento, infatti, hanno già avuto o hanno esperienze politiche e amministrative a livello locale. L'età media è 49 anni, che spazia tra i 32 di Marianna Madia e Salvatore La Penna e i 65 di Maria Coscia.

Il risultato del Lazio è passato alla ribalta naturalmente per la vittoria netta e indiscutibile di Fassina, responsabile economico del PD e principale esponente dell'ala socialdemocratica del PD, una vittoria impreziosita dall'ottimo risultato ottenuto da Matteo Orfini. Si tratta di una vera e propria prova di forza dei Giovani Turchi, che naturalmente non si limita ai risultati romani ma ottiene ottime prestazioni in tutto lo stivale, mostrando un apprezzamento alle primarie paragonabile all'area renziana e lasciando quindi intendere, in nuce, il leit-motiv della battaglia per la segreteria del partito una volta scaduto il mandato di Bersani.

L'età media dei candidati del Lazio è piuttosto bassa, e i giovani ragionevolmente sicuri di un posto in Parlamento sono undici, circa un quarto del totale. In realtà si tratta in massima parte di nomi noti, uno su tutti quello della pupilla di Veltroni Marianna Madia, quindi giovani arrivati al soglio parlamentare più per cooptazione che per fenomeni di rottura rispetto ai rapporti di potere in corso.

Liguria

La Liguria elegge 16 deputati e 8 senatori. Di questi, nell'ipotesi che non vi siano extra-seggi, 9 deputati e 5 senatori spettano alla coalizione vincente.
Considerando i due capilista scelti da Bersani, e l'ipotesi cautelativa di un deputato da dividere con SEL (come nel 2008 avvenne con l'IdV), resterebbero quindi, in caso di vittoria del centrosinistra in questa regione, 7 deputati e 4 senatori, quindi undici posti.

Risultati delle parlamentarie PD in Liguria

La ripartizione degli undici seggi, se si tenesse conto della popolazione residente al censimento, dovrebbe essere:
  • Genova --> Tullo Mauro
  • Genova --> Pinotti Roberta
  • Savona --> Giacobbe Anna
  • Genova --> Basso Lorenzo
  • La Spezia --> Orlando Andrea
  • Genova --> Carocci Mara
  • Imperia --> Albano Donatella
  • Genova --> Pastorino Luca
  • Genova --> Costa Marina
  • Savona --> Vazio Franco
  • Genova --> Vattuone Vito
Come si può vedere, in provincia di Genova Sara Di Paolo si ritrova penalizzata nei confronti di Vattuone per la regola dell'alternanza di genere.

Il primo escluso, da ripescare in caso di extra-seggi o pessimi risultati di SEL, sarebbe Michela Marcone di La Spezia, che in qualche modo per contrappasso rispetto al caso precedente ruberebbe il posto al sindaco di Sarzana Caleo.

Gli undici vincenti sono sei uomini e cinque donne, da dividere in due liste; di questi appena due sono i parlamentari uscenti, tra cui spicca il nome di Roberta Pinotti, che recentemente concorse alle primarie per il posto di sindaco di Genova, arrivando terza; solo Anna Giacobbe, vincitrice a Savona, può considerarsi invece un'autentica outsider della politica. L'età media è 50 anni, che spazia tra i 37 di Lorenzo Basso e i 59 di Mara Carocci.

Non spicca per vicinanza ai giovani la Liguria: solo una persona tra coloro che ragionevolmente possono sperare in un posto in Parlamento ha meno di quarant'anni. Spicca tra i vincenti il nome di Andrea Orlando, responsabile giustizia del PD e volto noto dei Giovani Turchi assieme a Fassina e Orfini.

Lombardia

La Lombardia elegge 101 deputati e 49 senatori. Di questi, nell'ipotesi che non vi siano extra-seggi, 56 deputati e 27 senatori spettano alla coalizione vincente.
Considerando i quattro capilista scelti da Bersani, e l'ipotesi cautelativa di quattro deputati e due senatori da dividere con SEL (come nel 2008 avvenne con l'IdV), resterebbero quindi, in caso di vittoria del centrosinistra in questa regione, 49 deputati e 25 senatori, quindi settantaquattro posti.

Risultati delle parlamentarie PD in Lombardia

La ripartizione dei settantaquattro seggi, se si tenesse conto della popolazione residente al censimento, dovrebbe essere:
  • Milano --> Pollastrini Barbara
  • Milano --> Mauri Matteo
  • Brescia --> Cominelli Miriam
  • Bergamo --> Carnevali Elena
  • Milano --> Quartapelle Lia
  • Varese --> Marantelli Daniele
  • Monza-Brianza --> Civati Giuseppe
  • Milano --> Mirabelli Franco
  • Brescia --> Corsini Paolo
  • Milano --> Cimbro Eleonora
  • Como --> Braga Chiara
  • Bergamo --> Sanga Giovanni
  • Pavia --> Ferrari Alan
  • Milano --> Fiano Emanuele
  • Milano --> De Biasi Emilia Grazia
  • Varese --> Gadda Maria Chiara
  • Monza-Brianza --> Ricchiuti Lucrezia
  • Brescia --> Berlinghieri Marina
  • Mantova --> Carra Marco
  • Milano --> Laforgia Francesco
  • Bergamo --> Rocca Carla
  • Cremona --> Fontana Cinzia Maria
  • Milano --> D'Amico Marilisa
  • Lecco --> Tentori Veronica
  • Brescia --> Bazoli Alfredo
  • Milano --> Peluffo Vinicio
  • Como --> Guerra Mauro
  • Varese --> Senaldi Angelo
  • Monza-Brianza --> Rampi Roberto
  • Milano --> Bassoli Fiorenza
  • Bergamo --> Guerini Giuseppe
  • Pavia --> Scuvera Chiara
  • Milano --> Cova Paolo
  • Brescia --> Benini Giovanna
  • Milano --> Gasparini Daniela
  • Lodi --> Guerini Lorenzo
  • Milano --> Casati Ezio
  • Varese --> D'Adda Enrica
  • Bergamo --> Servidati Mirosa
  • Monza-Brianza --> Mosca Alessia Maria
  • Brescia --> Tosa Alberto
  • Milano --> Brembilla Bruna
  • Mantova --> Brioni Fiorenza
  • Como --> Tagliabue Mariapia
  • Milano --> Prina Francesco
  • Bergamo --> Gori Giorgio
  • Sondrio --> Del Barba Mauro
  • Milano --> Puccio Anna
  • Pavia --> Zucchi Angelo
  • Cremona --> Pizzetti Luciano
  • Brescia --> Galperti Guido
  • Varese --> Rossi Paolo
  • Milano --> Messina Gabriele
  • Lecco --> Fragomelli Gian Mario
  • Monza-Brianza --> Farinone Enrico
  • Milano --> Malpezzi Simona
  • Bergamo --> via listino nazionale
  • Brescia --> via listino nazionale
  • Milano --> Martinelli Ettore
  • Como --> Furgoni Paolo
  • Milano --> Cova Ilaria
  • Varese --> Battistini Sara
  • Monza-Brianza --> Buraschi Simona
  • Milano --> Vimercati Luigi
La Lombardia è una regione talmente grande e che elegge talmente tanti parlamentari da rendere impossibile un'analisi dettagliata, rendendo gestibile soltanto un'escursione statistica sui risultati generali, approfondendo solo sui dettagli di particolare interesse.

Sicuramente di grande interesse vi sono i nomi di alcuni vincitori, che alternano, a seconda delle province, conservazione e rinnovamento. Così l'ex-ministro del Governo Prodi Barbara Pollastrini trionfa a Milano mentre Pippo Civati si impone di gran Lunga in Monza-Brianza, l'esperto onorevole Marantelli vince a Varese e le giovani promesse Tentori e Cominelli vincono rispettivamente a Lecco e Brescia.
L'età media si attesta a 47 anni, con estremi che vanno da 28 (Tentori) a 65 (Pollastrini).

I giovani sono una pattuglia molto numerosa: tra quelli con speranze di essere eletti in caso di vittoria di IBC nella regione se ne contano infatti 18, poco sotto il 25%.

Piuttosto interessante infine la distribuzione delle vittorie in relazione all'area politica: i renzianin vincono nel nord e nell'est della regione, laddove la componente bersaniana ottiene le sue migliori prestazioni nell'area meridionale della regione e nel milanese.

La Lombardia sarà la regione chiave per determinare l'esito delle elezioni politiche 2013, soprattutto al Senato. Se infatti in uno schema a due coalizioni la differenza tra vincitore e perdente si attesta ad appena cinque seggi, la situazione cambia radicalmente se la coalizione seconda classificata deve spartire i propri 22 seggi con le forze politiche minori in grado di superare la soglia di sbarramento, rendendo la differenza tra vincitore e secondo classificato stimabile intorno alla quindicina di seggi, una vera e propria enormità.

Marche

Le Marche eleggono 16 deputati e 8 senatori. Di questi, nell'ipotesi che non vi siano extra-seggi, 8 deputati e 5 senatori spettano alla coalizione vincente.
Considerando i due capilista scelti da Bersani, e l'ipotesi cautelativa di un deputato da dividere con SEL (come nel 2008 avvenne con l'IdV), resterebbero quindi, in caso di vittoria del centrosinistra in questa regione, 6 deputati e 4 senatori, quindi dieci posti.

Risultati delle parlamentarie PD nelle Marche

La ripartizione dei dieci seggi, se si tenesse conto della popolazione residente al censimento, dovrebbe essere:
  • Ancona --> Lodolini Emanuele
  • Pesaro-Urbino --> Marchetti Marco
  • Macerata --> Manzi Irene
  • Ancona --> Amati Silvana
  • Ascoli Piceno --> Agostini Luciano
  • Pesaro-Urbino --> Fabbri Camilla
  • Fermo --> Petrini Paolo
  • Macerata --> Marinelli Andrea
  • Ancona --> Carrescia Piergiorgio
  • Pesaro-Urbino --> Giovanelli Oriano
Il primo escluso, da ripescare in caso di extra-seggi o pessimi risultati di SEL, sarebbe Beatrice Brignone, di Ancona.
Non vi sono particolari sorprese in queste primarie marchigiane, se non, forse, il pessimo risultato conseguito dal deputato uscente Mario Cavallaro a Macerata, che sicuramente non sarà riconfermato.

Nessun problema invece per gli altri uscenti, Agostini e Giovanelli, anche se quest'ultimo si ritrova in una posizione molto border-line.

Le Marche si distinguono per essere una regione decisamente poco rosa, con appena tre donne nei primi dieci posti.
L'età media è 47 anni, che spazia dai 35 della Manzi e di Lodolini ai 65 della Amati.
I giovani sono 4 su 10, un'ottima percentuale, ed in particolare hanno conseguito notevole successo nella provincia di Macerata, dove anche tra gli esclusi i candidati più giovani hanno ottenuto ottimi risultati.

Per quanto riguarda le espressioni delle correnti, le Marche sono una regione dove i renziani hanno ottenuto i loro migliori risultati, in linea con i dati delle primarie per la premiership, che avevano visto il sindaco di Firenze vincere al primo turno e ottenere comunque valori di consenso elevati anche al ballottaggio.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails