giovedì 7 febbraio 2013

Campagna elettorale tra realtà e fantascienza

Valutazione post: 
Copertina, I, ROBOT

DISCLAIMER: nell'articolo che segue sono riportati e commentati passaggi del racconto EVIDENCE (1946), di Isaac Asimov

La campagna elettorale che stiamo viveno è sempre più costellata di veri e propri coups de théâtre, colpi di scena e promesse da parte dei politici, che in taluni casi hanno ormai smesso di parlare alla parte razionale del Paese per rivolgersi invece alla sfera emozionale e istintiva, alla cosiddetta "pancia" dell'elettorato.
Non si tratta, in effetti, di una novità per il nostro Paese, dove l'iperbole e la delegittimazione dell'avversario sono state da sempre parte fondamentale della tattica e della strategia elettorale, ben più della presentazione organica del proprio programma e della propria visione politica. Si tratta ormai di tecniche collaudate, e malgrado l'uso - e l'abuso - ormai sistematico in qualsiasi consultazione elettorale, ancora di sicuro successo nella conquista del corpo elettorale.

Proprio l'esistenza di una scienza della manipolazione sistematica costituisce un vulnus del processo democratico, in quanto contamina il reale tema della campagna elettorale - il confronto tra diveste proposte di governo e amministrazione - con tematiche differenti, che distolgono il cittadino elettore dall'analisi critica delle proposte di governo per condurlo a utilizzare parametri di giudizio evidentemente sub-ottimali.
È innegabile che la maturità politica e democratica di un popolo passa anche dagli "anticorpi" che esso sviluppa contro questi tentativi di manipolazione, ed è altresì evidente come il nostro Paese difetti ancora delle qualità necessarie - livello di istruzione, capacità critica, visione di ampio respiro - per potersi definire realmente maturo.

Pubblicato nel 1946, poco dopo la fine della II Guerra Mondiale, il racconto EVIDENCE di Isaac Asimov racconta proprio la storia di una campagna elettorale, mettendo bene a nudo, con il consueto acume psicologico e introspettivo, le dinamiche del confronto tra una campagna incentrata sui contenuti ed una invece fondata sulla demolizione della credibilità dell'avversario.

Stephen Byerley è un avvocato, un procuratore di successo e un uomo contrario alla pena di morte. Corre per la candidatura a sindaco di una grande città non meglio precisata, presumibilmente New York, ma la macchina politica di Francis Quinn, un candidato suo avversario, complotta contro di lui, sostenendo che si tratta di un robot umanoide. Una campagna puntata a risvegliare il "Complesso di Frankenstein" e l'isteria delle masse, che rovinerebbero di sicuro la campagna elettorale de procuratore, senza contare che un robot - o presunto tale - non può partecipare come candidato ad appuntamenti elettorali.
Quinn riesce ad ottenere la collaborazione forzosa della US Robots, azienda costruttrice di robot, nella raccolta delle prove della non umanità di Byerley minacciando di associare il nome della società allo scandalo.
Tutti i tentativi di dimostrare o confutare la non umanità di Byerley però falliscono. Visitando infatti gli uffici della US robots, Byerley incontra la robopsicologa Susan Calvin, personaggio ricorrente dei racconti di Asimov, che gli offre una mela: Byerley la addenta e ne mangia un boccone, ma ciò non viene ritenuto determinante per provare l'umanità del candidato, in quanto appare plausibile che un robot possa essere dotato di sistemi di emergenza per espletare le funzionalià umane come la digestione.
Anche il tentativo con un macchina fotografica a raggi X non funziona dato che Byerley indossa preventivamente un dispositivo che oscura le foto della suddetta camera. Attraverso tutte queste indagini, Byerley resta calmo e sorridente, sottolineando che lui sta solo difendendo i propri diritti civili, così si sarebbe impegnato a fare per i suoi cittadini, una volta eletto sindaco.
Una volta che tutti i mezzi fisici sono esauriti, Susan Calvin decide di ricorrere a quelli psicologici. Se Byerley è un robot, deve obbedire per forza alle tre leggi della robotica: se non lo facesse, sarebbe sicuramente un essere umano dal momento che un robot non può contraddire la propria programmazione di base. Tuttavia, se Byerley obbedisse alle leggi, ancora non sarebbe dimostrabile che è un robot dal momento che le leggi sono state modellate sulla moralità in generale, e potrebbe trattarsi semplicemente di un uomo modello.
La svolta avviene quando, in chiusura della campagna elettorale, Byerley tiene un discorso e un disturbatore giunge sul palcoscenico chiedendogli di essere colpito in faccia per dimostrare che lui non ne è in grado dato che è un robot, insultandolo pesantemente per la sua non-umanità. Byerley questa volta non si trattiene e lo colpisce con un pugno sul mento. Molte persone a quel punto si convincono dell'umanità del candidato e l'onda emotiva generata dall'evento consente al procuratore di vincere le elezioni a mani basse.
Tempo dopo, Susan Calvin si trova a colloquio con Byerley e gli espone la sua versione dei fatti: la robopsicologa ritiene che Byerley sia davvero un robot, e che per non violare la prima legge della robotica durante il comizio abbia colpito un altro robot creato appositamente per quello scopo dal suo stesso creatore. Dopo aver detto ciò si congeda dicendogli che voterà per lui alla successiva elezione.


Al di là della altissima strategia narrativa del racconto, è interessante l'analisi della campagna elettorale condotta dai due candidati. Quinn è cinico, aggressivo, manipolatore, e decide di puntare ogni cosa sullo screditamento dell'avversario. Byerley, al contrario, trae spunto dall'attacco dell'avversario per mostrarsi come un paladino dei diritti civili, rimandando all'ultimo istante il confronto diretto con le accuse di Quinn per sfruttarle quasi come una vetrina dell'operato di cui si renderà artefice se eletto.

La storia di Asimov termina con un lieto fine: la tensione narrativa si scioglie nell'ultimo comizio con il pugno tirato al contestatore, Byerley vince le elezioni, e l'autore non rinuncia a lanciare l'ultima provocazione nelle insinuazioni della Dottoressa Calvin. Il lettore è naturalmente soddisfatto dell'esito del voto, dal momento che i ruoli del "buono" e del "cattivo" sono chiari e ben definiti.

Leggere EVIDENCE durante una campagna elettorale italiana non può tuttavia che far risaltare le nette differenze che si pongono tra la - presunta - New York di Asimov e l'elettorato del Bel Paese. Viene così da chiedersi: anche in Italia avrebbe vinto Byerley?
Dall'analisi delle due campagne elettorali di Quinn e Byerley, rapportate al meglio al sentimento dell'elettorato italiano, il quadro che ne esce è piuttosto desolante.
La prima fase della campagna elettorale riguarda il momento in cui Quinn lascia trapelare la notizia della possibilie non-umanità dell'avversario. Nel racconto l'elettorato entra in una fase di sospensione del giudizio, in bilico, testualmente, tra la sua enormità se confermata e la sua assurdità se falsa. In Italia indubbiamente, conformemente al racconto, una simile notizia farebbe passare in secondo piano qualsiasi altro aspetto della campagna elettorale, ma anziché la sospensione del giudizio asimoviana ci sarebbe stata immediatamente una polarizzazione dell'elettorato in due o più fazioni granitiche e elettoralmente impenetrabili, tra teorici del complotto, negazionisti, difensori di diritti civili dei robot, accusatori e via dicendo.

La differenza sostanziale tra l'elettorato asimoviano e quello italiano si evince però nel passaggio del racconto in cui Quinn fa scattare di nascosto una radiografia a Byerley. Il procuratore indossa una corazza protettiva verso i raggi X e la radiografia non ha effetto, e Quinn decide di divulgare la notizia ai media.
È in questo frangente che vengono messe a nudo i rapporti verso l'elettorato dei due candidati: Quinn punta a far apparire Byerley un candidato debole, che si sottrae allo scontro, che rifiuta di dimostrare quanto gli viene chiesto, con qualcosa da nascondere e in ultima analisi inaffidabile; Byerley, al contrario, si evidenzia per una rigorosa applicazione dello stato di diritto, che non gli impone di dover dimostrare qualcosa partendo da una presunzione di colpevolezza.
Asimov non spende in realtà molte parole su come l'elettorato reagisce a questo passaggio delicatissimo della campagna elettorale, ma ciò che è evidente dal seguito del racconto è che la campagna elettorale di Byerley non viene pregiudicata da questo frangente. E non è invece difficile pensare che in Italia lo sarebbbe stata: Quinn, nelle elezioni nostrane, avrebbe qui dato probabilmente scacco matto al proprio avversario. La tutela del diritto sarebbe stata considerata un facile paravento per la codardia, le fazioni complottiste e accusatorie avrebbero avuto gioco facile nell'accusare il politico che si sottraeva allo scontro - dimenticando che non era tenuto a fornire alcuna prova della propria umanità, riconosciuta a prescindere salvo prova contraria - quando con un semplice gesto avrebbe potuto fugare ogni dubbio. La relativa semplicità dell'azione richiesta a Byerley, una radiografia, sarebbe stata addotta come ulteriore nota di demerito al comportamento del politico, che rifiutandosi di compiere un'azione tanto banale avrebbe portato in qualche modo persino a scoraggiare il proprio elettorato.

EVIDENCE non è altro che un racconto di fantascienza, ma come spesso accade in Asimov l'elemento fantascientifico non è altro che un pretesto per sondare l'animo umano; l'autore in questo caso dimostra una fiducia nelle regole della democrazia e nelle capacità di discernimento da parte dell'elettorato che in qualche modo colpiscono in positivo nel raffronto con la realtà, dove il popolo si dimostra decisamente più irrazionale ed emozionale. Resta tuttavia - al di là della morale contenuta nel lieto fine della vittoria di Byerley - il profondo insegnamento di Asimov sui reali valori da tenere a mente al momento, forse il più alto della vita di un cittadino, di espressione del voto e di formazione della coscienza politica, sul primato dei contenuti sulla forma, e del diritto sul sopruso.

3 commenti:

  1. Visto questo articolo su "Il sogno dell'Alieno"? Interessante... http://mag.sky.it/mag/cinema/2013/02/15/il_sogno_dell_alieno_storia_di_un_grande_bluff.html

    RispondiElimina
  2. Sinceramente mi incuriosisce molto..mi piacerebbe sapere di più anche a me!!

    RispondiElimina
  3. Forse ho trovato qualcosa http://mag.sky.it/mag/cinema/2013/02/17/il_sogno_dell_alieno_storia_di_un_grande_bluff_di-alberto-d_onofrio_prologo.html

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails